Palermo: restaurata la targa dedicata a Violet Gibson.

A meno di due settimane dall’8 marzo – data della nascita di piazza Violet Gibson a Palermo – la targa affissa per ricordare l’antifascista che attentò alla vita di Mussolini nel 1926, è stata staccata e spaccata in alcuni punti.

La targa era stata apposta nella piazza tra via Alloro e vicolo della Neve dalla Rete Anticoloniale Siciliana e faceva parte di un intervento congiunto di guerriglia odonomastica della Federazione delle Resistenze che aveva celebrato Violet Gibson anche in altre città italiane: Bologna, Carpi, Milano, Padova e Reggio Emilia.

L’intervento di guerriglia odonomastica a Palermo era stato supportato da Non Una Di Meno Palermo, Forum Antirazzista Palermo, Assemblea Anarchica Palermitana e Assemblea delle Lucciole.

La violenza espressa sulla targa di Violet Gibson lascia amareggiati e allo stesso tempo fa riflettere sulle questioni irrisolte del nostro passato (e quindi del nostro presente) che sono sempre sottese all’odonomastica. In apparenza neutrali e poco significanti per la maggior parte dei cittadini, i nomi delle strade e delle piazze, quando rinarrati o modificati – ad esempio con azioni di guerriglia odonomastica – ridiventano luoghi di conflitto, di riflessione e di discussione. Questo perché la guerriglia rompe quell’apparente neutralità e disturba il lungo sonno degli spettri del passato fascista e coloniale. Spettri che a Palermo, come altrove in Italia, sono oggi vivi più che mai.

Alle riflessioni si è aggiunto un pronto intervento di restauro perché la targa continui a farci ricordare le gesta di quest’audace antifascista.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...